Libri in metro #20

Un lettore che non sembra combaciare con il suo libro. O forse lui è suo agio con la lettura, ma non so quanto lo sia con il resto dei passeggeri della metropolitana.

EMMA [ROMA]
Curioso, insolito. Il mio sguardo ne è subito catturato.
Un uomo sulla quarantina, forse anche un po’ più giovane, viaggia sulla Roma-Lido alle 8 ed è impegnato… (Continua a leggere)

6 risposte a “Libri in metro #20”

      1. Sì, sì, è strano perché Jane non è una lettura tipicamente maschile. Ma si vede che era un intenditore, un curioso o semplicemente gli era capitato tra le mani e si stava appassionando.

        1. Infatti penso anche io che, per i personaggi, le ambientazioni ed i temi trattati (non ultimo il linguaggio poi!), la Austen sia più indicata per un pubblico femminile. Però ecco, un po’ il portamento da donna questo lettore lo aveva… 😉

Dimmi la tua!