Diario di viaggio: Carinzia

Non vi avevo annunciato di questo viaggio perché ci sono stati fino all’ultimo dei ripensamenti e non eravamo proprio certi di partire. Ma tant’è. Il 5 gennaio ci imbarchiamo in macchina, carichi di valigie, attrezzatura da sci, mangime e cioccolate (in montagna non possono mai mancare!) e nel primo pomeriggio arriviamo a destinazione: IMG_4560Sonnleitn, località sciistica parte del più famoso e grande comprensorio della Carinzia: Nassfeld Hermagor. Ci vuole poco ad ambientarci al clima – meno freddo di quanto ci aspettassimo – alle piste e agli impianti, se non fosse che un maledetto problemino muscolare alla schiena mi tiene bloccata due giorni dopo l’arrivo. E così la giornata più bella per sciare – di quelle giornate in cui splende sovrano il sole e lo sguardo spazia senza confini da una cima innevata all’altra, mentre le piste risplendono di piccoli cristalli illuminati sotto il cielo terso – me la sono persa. Fortuna nella sfortuna, proprio a Sonnleitn ci rivolgiamo ad uno studio ortopedico e di fisioterapia, dove il canuto Doktor Gerd Köhler mi fa una diagnosi a fronte della mia spiegazione e annuisce sicuro con il capo ad ogni mia parola, come di chi sa il fatto suo. Mi somministra una pDSC 057untura di cortisone nella zona “del delitto” e mi fa tornare il giorno dopo per un controllo, non prima avermi messo distesa su un lettino per la “heating therapy“. Ad ogni modo, non vorrei dilungarmi troppo su questo aspetto della vacanza, quindi volgiamo pagina ad un capitolo più interessante. Nel mio giorno da invalida sfrutto comunque lo Skipass, prendo gli impianti di risalita senza sci ai piedi, ma con i soli dopo sci. Arrivo con mamma, la quale mi fa volentieri da assistente rinunciando ad una giornata sulle piste che comunque non ama, a Tropolach, paesino a 600 metro raggiunto dalla Millenium Express, la cabinovia con il percorso più lungo delle Alpi. Speriamo di trovare un market che venda qualcosa di diverso dai würstel, che invece ci vengono riproposti in tutte le salse e che decidiamo comunque di comprare per l’ultima cena nell’appartamento preso in affitto. Restando in tema “cibo”, ogni viaggio è per noi occasione per DSC 029provare specialità locali, in questo caso carinziane che, come potete immaginare, prevedono (oltre ai würstel) Kartoffeln di vario genere e carne, tra cui la famosa Wiener Schniztel. I maschietti apprezzano molto le Rippalan, le costolette di maiale diffuse largamente anche nel mondo americano, ma che qui pare abbiano un sapore speciale. Con la mamma assaggiamo invece diversi dolci, tra cui lo Strudel di mele (Apfelstrudel), i Krapfen (bomboloni fritti ma molto leggeri, ripieni di marmellata di albicocche) Mohr im Hemd (tortino al cioccolato servito con panna e gelato alla vaniglia) ed un dessert che – credetemi – è davvero terribile! Si tratta dello Germknödel, uno gnocco dolce che a vederlo pare avere un aspetto delizioso, tutto coperto di crema alla vaniglia. Poi però, aperto, rivela al suo interno una composta di prugne con un sapore molto intenso ed una pasta eccessivamente dolce che stomaca al secondo boccone. Per di più, la salsa ala vaniglia, oltre ad essere poco densa per i miei gusti (ma a loro piace così.. “runny“!) è pure troppo zuccherosa ed è guarnita con una polvere nera che sulle prime non identifico.. Mia mamma insiste che si tratta di cacao, ma poi, appena mi collego ad una rete wi-fi, cerco la ricetta su internet e scopro chDSC 069e in realtà parliamo di semi di papavero. Comunque, da non consigliare a nessuno! Infine, la scoperta culinaria più piacevole sono gli Spätzle, in particolare i Käsespätzle, una pasta fresca preparata in un modo particolare e condita con formaggio, cipolla croccante, fettine di speck, servita direttamente in una padellina di ghisa e gratinata. Una goduria, credetemi sulla parola!
E insomma, se oltre alle parole volete credere anche su qualche immagine, eccone qui una serie, dai selfie ai piatti ai panorami delle vette alpine, che ti lasciano sempre e comunque con il fiato sospeso.
DSC 082
DSC 017
DSC 034
DSC 055
DSC 068
DSC 081

0 risposte a “Diario di viaggio: Carinzia”

  1. Ma allora l’hai fatto il viaggio, alla fine! Ci stavo pensando proprio in questi giorni e pensavo fosse in programma per la fine del mese, periodo più gettonato dagli sciatori, per quel che so. Ad ogni modo, mi dispiace che non ci siamo incontrati, tra le altre cose quella zona è una delle mie preferite, anche se la frequento d’estate e non d’inverno. Certamente con i problemi al mio braccio sarebbe stato difficile raggiungervi, ma mi dispiace davvero molto che questo incontro non ci sia stato.
    La cucina austriaca è un po’ particolare, non piace a tutti. Per me è troppo grassa e anche i dolci li trovo troppo … dolci, a parte lo strudel che, però, è un dessert normale per chi vive dalle mie parti.
    Spero che con la tua schiena sia tutto ok. Peccato che questa bella vacanza sia stata “macchiata” da questo inconveniente.

    1. Sì, alla fine siamo partiti, nonostante i cambi di programma che ci affliggevano fino all’ultimo minuto. E siamo passati anche vicino dalle tue parti! Tant’è che in macchina ti abbiamo nominata 🙂 Siamo andati in questo periodo per non far perdere troppo giorni scuola a mio fratello e perchè nell’ultima settimana di gennaio io inizio con gli esami.
      Devo dire che non ho trovato eccelsa la cucina austriaca, a parte gli Spätzle che peró, a quanto so, sono anche tedeschi e svizzeri.. Insomma, di quella zona lì. Le patate le cucinano in modo molto sfizioso, ma dopo un po’ ti vien la nausea! E per i dolci, niente, non ci siamo, quelli italiani sono di gran lunga migliori! Gli unici dolcetti che mi fanno davvero impazzire sono i Vanille Kipferln, non so se li conosci: sono dei biscotti secchi all’aroma di vaniglia che si cucinano specialmente sotto le feste. Buonissimi!
      Per la schiena, è stata veramente una disdetta, peró mi sono risollevata il morale pensando che avrebbe potuto capitarmi quell’incidente anche in circostanze peggiori! Lì almeno avevo 4 persone al mio servizio 😛
      Un abbraccio Marisa e buona settimana!

  2. Un dolce austeiaco che a me piace particolarmente è il Kaiserschmarren che può essere preparato in vari modi. Io preferisco la versione tipo crepes: prepari la pastella però separando i tuorli e montando a neve gli albumi, aggiungendo qualche cucchiaio di uvetta, meglio se bagnata nel rum. Poi, una volta preparate le frittatine (che vengono belle gonfie!), le tagli in striscioline e le servi con frutti di bosco caldi, con il loro bel sughetto, oppure con la marmellata che preferisci. Buonissimi!
    Un abbraccio e buona settimana anche a te. 🙂

          1. Più o meno … cerca la ricetta su Giallo Zafferano e prova. Però, se monti l’albune a neve vengono più buone. 🙂

Dimmi la tua!