Dammi la voce.

Sono questi i momenti in cui capisco di dover crescere ancora molto. 
Sono quelli gli sguardi in cui apprezzi la vera profondità dell’animo. È sufficiente un solo contatto visivo per sentire e toccare il più intimo attaccamento alla vita. 

Gli occhi parlano molto di più della voce, quando la bocca è muta e i gemiti sono gli unici rumori che si possono produrre. 
L’azzurro chiaro e limpido delle pupille comunica al mondo meglio di centomila discorsi. 
Il colore e la sua intensità pronunciano parole che la bocca non riesce ad esprimere. Le sillabe rimangono intrappolate dentro qualche dannata gabbia del cervello perché lì sono nate e sono conosciute. Basterebbe scioglierle e renderle libere da quelle maledette catene… 
Se solo fossimo in grado di esaminare sotto una lampada tutto ciò che la mente elabora, illuminando quelle aree che contengono i significanti del linguaggio, le parole, i lessemi, i termini, così perfetti, chiari, lineari e limpidi, semplicemente cristallini. Evidenziare così le lettere che li compongono, una ad una, senza bisogno che queste vengono tradotte sotto forma di suoni. 

Suoni ancestrali, confusi. Lamenti, gorgheggi, gemiti e bisbigli strazianti. 
Dammi la voce, dammi la tua voce. Fammi sentire il suono che veste ogni parola. Fammi arrivare il fiato, il tuo fiato, e dona un timbro ad ogni sillaba che si libera dalle labbra. 
E mentre vorresti comunicare trasferendo la bocca al livello degli occhi, i miei occhi rimangono tali e liberano lacrime, non certo parole. 

Eppure questi sono i momenti in cui piangere non è la soluzione giusta, nè tanto meno l’alternativa migliore. Si dice che non si smette mai di imparare, di crescere e di maturare. Certo che no, non si finisce mai di crescere e crescere ancora: piangere dentro e sorridere fuori. 
La bocca è silente, vuota di parole. I tuoi occhi parlano, intensi e vigili. Il mio cuore lacrima di dolore, paura e rassegnazione. 

Dammi la voce. La tua voce.

Lo vidi che mi guardava con quegli occhi un poco obliqui, occhi fermi, trasparenti, grandi dentro. Io non lo seppi allora, non lo sapevo l’indomani, ma ero già cosa sua, preso nel cerchio dei suoi occhi, dello spazio che occupava.

Dimmi la tua!