Diario di viaggio: Ponza in due giorni

In quasi trent’anni di vita a Roma, non ero mai stata nell’isola laziale per eccellenza: Ponza, la più grande delle isole pontine.
Che poi questa associazione odierna tra Ponza e il Lazio è affare solo recente, in quanto fino al 1938 l’isola faceva parte della Campania. Difatti gli abitanti dell’isola sostengono di avere origini partenopee e parlano un dialetto di tipo napoletano.

Cenni storici a parte, passiamo alle informazioni pratiche.
I porti sulla terraferma dai quali imbarcarsi per Ponza sono Anzio, Terracina, San Felice Circeo, Formia e Napoli. Alcuni di questi prevedono tratte solo durante il clou della stagione estiva. Le compagnie che operano tali tratte sono la Laziomar o la Navigazione Libera del Golfo, con tempi di viaggio diversi a seconda del tipo di traghetto e del sevizio di navigazione scelto.
Una volta arrivati sull’isola si sbarca al porto, il cuore pulsante della vita di Ponza. Qui si concentrano locali, negozi, alimentari e altri servizi essenziali. La cittadina è un’esplosione di luce e di colori, con tinte che passano dal giallo al bianco, dall’azzurro al rosa, all’arancione. Le facciate di case ed edifici si specchiano nel mare e guadagnano il riverbero della limpidezza dell’acqua sotto di loro, formando uno quadro che nessun pittore ha ancora dipinto.

Noi abbiamo alloggiato nella camera messa a disposizione da Alfonso e Letizia, che vivono in una grande casa bianca e azzurra alle spalle del corso principale e accolgono i turisti con grande ospitalità e cortesia.

Dal porto salpano le barche per circumnavigare l’isola o per svolgere gite di un’intera giornata verso Palmarola. Le compagnie sono tante, così come tanti sono i servizi di noleggio gommoni o imbarcazioni per chi vuole navigare privatamente e in autonomia (non tutte le imbarcazioni richiedono infatti il possesso della patente della nautica, ma una buona esperienza e conoscenza di mari e venti è decisamente consigliata).
Noi ci siamo affidati alla Cooperativa dei Barcaioli Ponzesi. Dopo un burbero approccio – commercialmente discutibile – ci hanno proposto la loro escursione a €25: un giro per le calette più famose dell’isola con 4 soste bagno e pranzo a bordo. Devo dire che, pur non essendo riusciti a raggiungere Palmarola per condizioni meteorologiche avverse, la gita è stata meravigliosa e i luoghi raggiunti dal mare non sarebbero mai stati scoperti se fossimo rimasti a terra.
Nota di merito, la pasta al pomodoro in barca. Per quanto io non sia una amante del sugo, la semplicità di quel pasto, cullati dal dondolio tipico del mare anche quando è calmo, circondati da turchese a perdita d’occhio con la pelle bagnaticcia appena riscaldata dal sole, ha un fascino particolarmente nostrano e folkloristico.
Quindi ricordate: nonostante  il bel tempo non ci abbia abbandonati nel weekend, la giornata di sabato è stata alquanto ventosa, pertanto il versante di ponente (termine più montanaro che marittimo, concedetemelo) dove si trovano le Forna, le piscine naturali, Cala Feola è da evitate con vento da ovest. Di conseguenza anche Palmarola non è indicata per gite se soffia vento da Occidente.
In questi casi la zona di Frontone (raggiungibile molto facilmente dal porto con un servizio navetta operato sempre dai cari Barcaioli ponzesi al costo di €5 A/R) e il lato – per intenderci – dell’Arco Naturale è decisamente più godibile.

Al rientro al porto, Ponza si popola per l’happy hour. I locali aumentano i tavolini all’esterno, altri sorgono da nulla e dove prima arrivava l’acqua ora ci sono i piedi degli ospiti  che si godono il calar del sole con un drink in mano e qualche appetizer sotto i denti. Altri ancora non si preoccupano di sedie e tavolini e si appoggiano lungo il muretto rosiccio che delimita la curva del porto.

In realtà il tramonto-sul-mare per antonomasia non è del tutto apprezzabile lato porto, ma occorre di nuovo spostarsi verso le Forna.
Questo prevede il programma della nostra serata, per la quale abbiamo scelto di mangiare a Il Tramonto, un ristorante che definire panoramico è dire poco. La veranda sorge e “sporge” letteralmente dalla roccia, come fosse una polèna (e qui sì che siamo nel gergo navale! – N.A. lascio il link Treccani per la consultazione da parte dei curiosi)  che ambisce a tuffarsi in mare. La sensazione di vertigini è dietro l’angolo, ma forse è necessaria per godere di una vista mozzafiato su Palmarola – sembra quasi di poterla toccare – e sulle piscine naturali.
La bellezza sta nell’altezza, nelle scogliere che precipitano a picco nel mare e nella costa frastagliata che si snoda sinuosa sfidando gli occhi a superare i limiti dello sguardo.
Appunto importante: per raggiungere il ristorante e, in generale, per spostarsi nell’isola, abbiamo fatto uso del trasporto pubblico locale, meglio noto come “corriera”: un biglietto vale per una tratta e costa €1,50 per i non residenti. La linea è una circolare e le fermate sono a chiamata, nel senso che vanno proprio “chiamate” a voce al conducente – tanto il furgoncino è piccolo e, in barba al raccomandato distanziamento sociale, si è tutti molto vicini. Gli autisti delle corriere corrono. Forse perché si chiamano appunto “corriere, forse perché conoscono le strade dell’isola a menadito, forse perché il traffico non c’è, sta di fatto che l’andatura è allegra.

E così, allegramente, domenica mattina saliamo sul pulmino direzione Cala Feola, una incantevole insenatura sabbiosa incastonata tra le rocce e con una vista magnifica sulle scogliere. In questo caso la bellezza sta nel fatto che si ammira l’isola dal basso verso l’alto, in tutta la sua magnificenza, nella sua rigogliosa esplosione di vegetazione e nel candido vigore delle coste.
Per accedere alla spiaggia di Cala Feola, attrezzata e fornita di bar, si debbono scendere circa 300 scalini; per chi preferisce un paesaggio scoglioso, le piscine naturali sono un luogo altrettanto fantastico.

Incredibile pensare che un’isola dai tesori e dalle meraviglie paesaggistiche possa trovarsi così poco distante da Roma, a un’ora di aliscafo dalla costa.
Non mi stupisce, invece, sapere che moltissime celebrità scelgono Ponza come meta delle loro vacanze in barca, yatch, gommoni. 
Seppur isola “in” e di tendenza, Ponza è rimasta in gran parte autentica ed incontaminata, non presa d’assalto da invasioni barbariche e orde selvagge di turisti anonimi (sicuramente la folta presenza di imbarcazioni riduce l’afflusso a terra) , ma la sua vera forza sta nella natura di cui si fa ambasciatrice.
Non è vero che il mare di Ponza non si può descrivere, hanno creato appositamente una dicitura cromatica per designarlo.
Il verde acqua non è verde e non è acqua. È un colore nato ed inventato perché il mare brillante e unico di questa parte di mondo avesse dignità di parola.

Scru on Air! – Mini intervista per Rolling Pandas

Giorni fa ho avuto il piacere di raccontare un po’ di me e del mio blog alla community di Rolling Pandas, una start up che opera nel settore dei viaggi.

Potete leggere l’intervista QUI.

Di seguito trovate un estratto:

[…] Scrutatrice di Universi, una definizione partorita durante una conversazione con un’amica e che in effetti racconta molto di me.
Perché?
Perché sono curiosa per natura, curiosa di scoprire meglio il mondo che mi circonda e ambiziosa di conoscere storie, vite, spazi e universi diversi dal mio. Sono appassionata di scrittura fin da piccola – il mio passatempo era inventare fiabe che facessero concorrenza a quelle dei fratelli Grimm… CONTINUA A LEGGERE

Fatemi sapere cosa ne pensate!

In ed Es.

In ed Es.

Rimarrei su questa panchina per ore.
Il corpo rilassato, il collo appoggiato sul legno, gli occhi socchiusi e le membra abbandonate.

In ed Es.

Il sole accarezza la pelle, la scalda, la coccola con i suo raggi. Il tepore asciuga le goccioline di sudore sotto ai vestiti, piccoli brividi corrono in salita lungo il torace, il petto e il seno.

In ed Es.

Silenzio. Un silenzio sacrale, liturgico. Anzi, un silenzio ancora più silenzioso, visto che ogni celebrazione religiosa è sospesa in questi giorni.
Verrebbe da definirlo un silenzio innaturale, ma, vedi, qui sta l’ironia. Come se la natura del mondo fosse quella di emettere per forza rumore e, quando ciò non accade, ecco che appare tutto innaturale.
Eppure la natura è anche questo, la quiete, la calma, l’assenza di suoni in un paesaggio che è in pace con sé stesso e non ha bisogno di farsi sentire. Diodato impazzirebbe.

In ed Es.

Non si odono voci. Niente passi, né in arrivo né in lontananza. E’ difficile persino percepire l’affannoso respiro di chi, come me, è uscito nel parco per allenarsi, correre o fare footing.
Apro gli occhi.
Sento, come se gli occhi fossero diventati orecchie o come se queste ultime si attivassero in combinazione alla vista, il flebile sussurro del vento che si sta alzando. Soffia attraverso gli alberi e gli arbusti ancora privi di germogli, passa tra qualche cespuglio, separa i fili d’erba abbracciati tra loro.

In ed Es.

Controllo il respiro.
Inspiro ed espiro. Inspiro ed espiro.
Sono rimasta sola nel parco, sola e sdraiata su quella panca che fino a qualche minuto prima era contesa tra i vari avventori.

Tutti dicono che interrompere drasticamente il battito di una città abbia i suoi benefici.
Penso che mai cosa così scontata sia così maledettamente vera.
Le pause sono momenti che mi hanno sempre affascinato molto. Mentre ogni cosa è ferma, l’uomo si concilia con i propri spazi vitali e i propri ritmi, interiori ed esteriori che siano. Sembra quasi che la natura abbia avvertito tutto questo e abbia deciso di adeguarsi, per consentire una migliore accettazione della quiete imposta.

In ed Es.

Questa mattina attorno a me c’erano tante persone, singoli individui in cerca dei propri spazi, uomini e donne solitarie calati nella loro segretissima dimensione. E poi nonni, coppie di nonni, bambini, famiglie, padroni con i cani e cani con i loro amici. Cavalli. A due passi dal Grande Raccordo Anulare io corro nei prati accanto ai cavalli.
Coccinelle, api ed altri insetti svolazzanti da un fiore all’altro, margherite e altri germogli colorati che rendono unico questo angolo di mondo.

In ed Es.

Presto attenzione al mio respiro, come fosse un suono proveniente dall’esterno. Qualcosa da decifrare, da seguire, per riconoscervi una musica ben nota.

Che buffo.
Sorrido se penso che un Paese intero debba smettere di respirare per far sì che i respiri di ognuno vengano ascoltati.
E’ un po’ come il cuore che pulsa.
Finché non si ferma, magari nel petto di qualcun altro, chi si metterebbe mai a tenere il ritmo dei suoi battiti?

In ed Es. In ed Es. In ed Es.

Vorrei voi foste qui.