La vita al contrario

La vita dovrebbe essere vissuta al contrario.
Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo,
e così tricchete tracchete il trauma è già bello che superato.
Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto
che vai migliorando giorno dopo giorno.

Poi ti dimettono perchè stai bene, e la prima cosa
che fai è andare in posta a ritirare la tua pensione,
e te la godi al meglio.

Col passare del tempo, le tue forze aumentano,
il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono.
Poi inizi a lavorare, e il primo giorno ti regalano un orologio d’oro.

Lavori quarant’anni finchè non sei così giovane
da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa.
Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi e
ti prepari per iniziare a studiare.

Poi inizi la scuola, giochi coi gli amici,
senza alcun tipo di obblighi e responsabilità,
finchè non sei bebè.

Quando sei sufficientemente piccolo,
ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene.

Gli ultimi 9 mesi te li passi flottando tranquillo e sereno,
in un posto riscaldato con room service e tanto affetto,
senza che nessuno ti rompa i coglioni.

…E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo!
                                                                                              Woody Allen
  

only a word…

img184/2568/stellina24cu6.gifѕιι ѕιи¢єяσ/α:img184/2568/stellina24cu6.gif
img174/3500/stellina28nf4.gif∂єѕ¢яινιмι ιи υиα ραяσℓα!img174/3500/stellina28nf4.gif
img170/9741/stellina31ne9.gifℓαѕ¢ιαℓα ιи υи ¢σммєитσimg170/9741/stellina31ne9.gif
img170/2566/stellina30po7.gifρσι,ѕє νυσι,img170/2566/stellina30po7.gif
img169/19/stellina17lj7.gifяι¢σρια qυєѕтσ ιитєяνєитσ иєℓ тυσ ѕρα¢єѕ…img169/19/stellina17lj7.gif
img184/2157/stellina23ci7.gifρσтяєввє єѕѕєяє ∂ινєятєитєimg184/2157/stellina23ci7.gif
 img174/7324/stellina27jn7.gifѕαρєяє ¢σмє тι ∂єfιиιѕ¢σиσ ι тυσι αмι¢ι…img174/7324/stellina27jn7.gif
img174/4499/stellina29jw9.gif..яι¢σя∂α..img174/4499/stellina29jw9.gif
img113/6973/stellina19nx4.gifѕσℓσ 1 ραяσℓα!!!img113/6973/stellina19nx4.gif

Lentamente muore

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni
  giorno gli stessi percorsi,
  chi non cambia la marcia,
  chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
  chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,
  chi preferisce il nero su bianco
  e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni,
  proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che
  fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore
  davanti all’errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
  chi e’ infelice sul lavoro,
  chi non rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno,
  chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai
  consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,
  chi non legge,
  chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.

Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia
  aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o
  della pioggia incessante.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
  chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non
  risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere
  vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto
  di respirare.

Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una
  splendida felicita’.

  

 

                                                                                                                  Pablo Neruda