Sui bilanci, le analisi e le considerazioni. Buon 2018.

Credo che l’uomo sia pericolosamente incuriosito da ciò che è proibito, ciò che non c’è, ciò che non ha e non può avere.
Una volta aver assaggiato il sapore della trasgressione, ne è ancora più irrimediabilmente attratto, trascinato dal desiderio di gustarla di nuovo, di sfidare i propri limiti, osare, spingersi oltre il confine dell’integrità. Travalicare i vincoli e le convenzioni sociali.
C’è chi dice che traditori si nasce, c’è chi sostiene che siamo tutti fatti per tradire e che l’essere umano non nasce per essere monogamo.
La verità è che subiamo indistintamente il fascino di ciò che non possediamo, puntiamo alla luna per finire nelle stelle, come direbbero gli americani. Ognuno di noi ambisce a conquistare emozioni che non ha mai provato, vivere esperienze che non ha mai sperimentato. E più queste esperienze assumono il carattere del proibito e dell’intrigo, più diventano tremendamente appetibili ed attraenti.
Accontentarsi di ciò che abbiamo è solo un comodo rifugio per evitare l’errore. Non domandarsi se esiste dell’altro oltre a ciò che quotidianamente viviamo, non assecondare la curiosità di esplorare, vuol dire reprimere istinti naturali che presto o tardi si manifesteranno con insistenza.
Sbagliare è necessario, sbagliare è umano: cedere alle debolezze della carne è cosa vecchia quanto il mondo, e se è vero che è il corpo è il mero involucro terreno di un’anima eterna, dovremo avere tutti la possibilità di cadere nelle tentazioni che esso ci propone e non venire condannati per l’incapacità ad averle soffocate. In fondo, siamo di passaggio su questa Terra, la nostra esistenza è limitata, qual è lo scopo di credere nella presenza del peccato e della redenzione? La salvezza dello spirito dipende dalla bontà delle nostre azioni in vita? Ma più si vive con amore e rettitudine, infinitamente maggiore è lo strazio della morte, della fine di tutto quel bene profuso e ora improvvisamente assente.
Che poi il bene è inevitabilmente legato al male, ci avete mai pensato? Fare del bene a sé stessi e a qualcun altro comporta il causare dolore al prossimo vicino a noi o in qualche parte del mondo. E chi decide cosa è il bene o cosa è il male, cosa è giusto e cosa è errato? Il buon senso è una emerita fesseria, è tutto, infatti, incredibilmente relativo. Effimero, volatile, caduco. Tanto vale godersela, la vita, nel bene e nel male.
In un giorno in cui ci fermiamo qualche minuto ad elaborare un bilancio sul 2017 appena trascorso, io affogo nei ricordi, nelle emozioni e nei volti che hanno caratterizzato la mia vita recente e sono stati protagonisti delle scene della mia memoria. Volti che non ci sono più, perché deliberatamente proibiti al mio sguardo, o perché portati via dal disgraziato e crudele volere del destino.
In un giorno in cui ci arrestiamo qualche minuto ad elaborare un bilancio sul 2017 appena trascorso, è così che amo naufragare e perdermi in me stessa.
Felice anno nuovo.
josh-boot-67772

… And Happy NY!

Quando trovi posto a sedere sui mezzi pubblici negli orari di punta; quando la porta del vagone si apre esattamente davanti a te e non devi ingaggiare una lotta greco-romana per entrare; quando non fai in tempo a mettere piede sulla banchina che la metro passa, semivuota, senza farti aspettare; quando la scia verde dei semafori impedisce inutili attese al freddo al bordo della strada… Non vuol dire che il 2017 è iniziato bene, ma che la popolazione di Roma non è ancora rientrata dalle ferie!
Auguri di buon anno to all of you 🙂

P.S. So che “NY” sta per “New York”, ma visto che avevo abbreviato “Christmas” nel post precedente, ho pensato che la sigla non fosse ambigua in questo contesto! 😉

Quando il tempismo è una grandissima scemenza.

Sono fuori dal tunnel. Sono uscita dal vortice. E ho finito, almeno per questa sessione. Ma di scrivere non ho voglia, sono in attesa di qualcosa che non mi fa stare tranquilla… Vi lascio con un post scritto ormai un mesetto fa.
A presto!

Scritto il 2.01.15

Oggi, 2 gennaio 2015, ho cambiato il calendario della mia stanza. Ho avuto un giorno di ritardo, il che significa che idealmente era come se fossi rimasta per 24 ore ancora nel 2014. Ciò dimostra quanta importanza dia a questa corsa al nuovo anno, basata su un conto alla rovescia assolutamente arbitrario e meramente convenzionale. Il mio orologio segnava già le 00:01 quando Armando al microfono ha dato inizio al count down, collegato – pare – con il sito ufficiale della NASA. Il fratello di Armando era a Londra il 31 dicembre, dunque avrebbe festeggiato l’inizio del 2015 un’ora dopo di noi, brindando allo stesso anno, il 2015 “italiano”, cominciato però 60 minuti più tardi. Intanto il mio telefono si stava riempendo di messaggi di auguri mentre il count down era ancora in corso, e quando io ho inviato i primissimi auguri alle persone più care, magari queste stavano ancora fremendo nell’attesa che scattasse la mezzanotte per stappare lo spumante. Senza parlare poi di tutti coloro che devono aver consumato cotechino e lenticchie già diverse ore prima di noi (se vogliamo mantenerci fedeli alle tradizioni occidentali).

E se decidessimo che l’anno nuovo iniziasse il 15 agosto? Guarda un po’, l’anno prossimo festeggio in estate, così mi evito tutta questa euforia puramente indotta del 31 dicembre. Anzi no, mi aggrego alla Nuova Zelanda e faccio il “pranzone” dell’ultimo dell’anno, tanto legittimamente il 2015 entra già a quell’ora nell’emisfero boreale dalle parti dell’Australia. E perché non prendere come riferimento il primo Paese nel mondo in cui scatta la mezzanotte ed innestare una serie di festeggiamenti a catena in tutto il resto del pianeta, indipendentemente dal fatto che sia giorno o notte, ora di pranzo o della merenda? Tanto la globalizzazione c’è, non venite a dirmi che abbiamo di questi problemi. Mi preciserete che sarebbe complicato a livello di calendario, orari, consuetudini che regolano la fine di oggi e il principio di domani. Tutta questione di come ci siamo accordati per far girare questo mondo in maniera intuitiva, senza dovere impazzire.

Alla fin fine le convenzioni sono utili, ovvio, semplificano la vita, facilitano la convivenza reciproca delle popolazioni.
Eppure ogni tanto mi stanno stretti questi accordi, come se fossero dei paletti che imponiamo per nostro comodo alla natura. Ho come l’impressione che a volte l’anticonvenzionale sia più autentico.