It’s a little bit funny, this feeling inside.

it's a little bit funny this feeling inside

È buffo.
Credo di avere una pentola a pressione in testa. Esatto, di quelle che si usano per cuocere la verdura lentamente, senza soffritti, senza grassi. Ma lentamente.
Così si cuociono le mie cellule nervose, a ritmo costante, eppur graduale.

Gli stimoli che bollono, bollono, bollono. Le sollecitazioni che si cucinano. Il coperchio che fischia. Un fischio assordante, quasi insostenibile, di quei rumori che iniziano lievi ma che insinuandosi in tutti i canali del timpano perforano la testa crudelmente.

Nessuno vuole sentir parlare di cose tristi, Veronica.
Nessuno leggerà mai dei tuoi turbamenti e delle sue disillusioni.

Sogni infranti, castelli disciolti come fossero fatti di sabbia, progetti sfumati come il respiro esalato in un giorno di inverno.

É vero, diamine. È verissimo.

Oggi sui blog si parla solo di fashion, beauty, delle ultime tendenze del mondo fitness o food. Food & Fitness.
E di lifestyle. Il gigantesco universo del lifestyle che include i consigli per sturare il lavandino intasato per i troppi capelli pettinati in luoghi diversi dalla tazza del water ai suggerimenti per sbucciare la cipolla senza versare nemmeno una lacrima.
Ma in mezzo c’è il life-style, lo stile di vita, eh. Vuoi mettere?
In mezzo c’è tutto quello che non siamo riusciti a far rientrare in categorie di pensiero ben definite e che concettualmente ha attinenza sia con gli strofinacci da cucina che con le nuove frontiere dell’hi-tech per risolvere i problemi di insonnia.

Però se parli di morte, di solitudine, di tradimenti, di rancore e di Fabrizio De Andrè, nessuno ti leggerà mai Veronica.

Ah, anche viaggi, è vero. Ogni tanto vivo e mi piace girare il mondo. E di cucina, sì. Tanto per cambiare vado a cena fuori, già. Ma pur volendo scrivere di ogni cosa che faccio, il mio cervello a pressione si fissa su quei dannati fornelli e cuoce, cuoce, cuoce. Cuoce a fiamma lenta e regolare, fino a lessarmi i neuroni.

Chiamatelo sfogo virtuale, chiamatelo esercizio di scrittura terapeutica o flusso di coscienza incontrollato ed impetuoso chemancolaWoolf. Chiamatelo come volete.

Io vi dico che mi aiuta a spegnere i fornelli e a concentrarmi sulla pentola guardandola a debita distanza.
È buffo. Tutto questo meccanismo.
É buffo, ma funziona.

The Place [Paolo Genovese]

Facciamo una premessa:

Amo moltissimo i film ambientati in un unico luogo, le cui scene prendono le mosse all’interno di uno spazio circoscritto, delimitato e definito. Non si tratta di film claustrofobici, ma immaginate quei film che si svolgono all’interno di una stessa casa, attorno alla tavola, in un salotto, su un mezzo di trasporto, in un locale al chiuso. I personaggi si muovono all’interno di tali ambientazioni contestualmente, o in maniera alternata e sequenziale. Possono crearsi dinamiche più o meno vincolanti tra loro, possono svilupparsi storie parallele che non si incontreranno mai oppure possono diramarsi trame invischiate in uno stesso intrigo, di cui i personaggi sono o non sono consapevoli. Insomma, c’è un mondo bellissimo nei film racchiusi in un unico luogo.

Fine della premessa.

The Place appartiene proprio a questo genere.
Il film di Paolo Genovese, che vanta un cast di interpreti d’eccezione, esce nelle sale consapevole di dovere superare, o comunque eguagliare, un grande rivale: il precedente lavoro dello stesso regista (Perfetti Sconosciuti) che ha riscosso un successo enorme, sia di critica che di pubblico.
Secondo alcuni non ci riesce. Secondo me è opportuno considerare che è un film diverso, più impegnato e concettuale, per gli amatori del genere e per chi ha la pazienza e il piacere di lasciarsi sopraffare da riflessioni alquanto scomode sulla natura dell’essere umano. Va affrontato con preparazione, o quantomeno, se non si è preparati, bisogna accettare di rimanere spiazzati e disarmati all’uscita dal cinema.

Risultati immagini per the place

Film altamente simbolico e enigmatico, con scene che possono in prima battuta ricordare una seduta psicologica, The Place esplora gli anfratti più oscuri e gli angoli più reconditi del nostro essere, portandoli alla luce in tutta la loro crudezza e con un cinismo talvolta inquietante. The Place è il luogo in cui entriamo a contatto con la nostra coscienza, un confessionale in cui riveliamo i lati più bui della nostra personalità, verità che non saremo mai stati capaci di ammettere perché – e qui torna un pensiero che ormai mi accompagna da diverso tempo – ognuno di noi convive con perversioni di cui non è sempre pienamente cosciente.

“Perchè chiede alle persone di compiere gesti orribili?”
“Perché c’è chi è disposto a farli”

È un film disturbante, scioccante, cinico e surreale, ma la sensazione di essere fuori dalla realtà si attenua già dopo poche scene, grazie all’abilità di regista ed interpreti di ricostruire un mini universo di realtà dentro quel “luogo”, dentro quel bar. Una realtà che emerge dai loro racconti, ma mai è rappresentata in maniera diretta, solo riflessa dallo specchio della coscienza e mostrata dietro uno schermo fatto di parole e dunque di interpretazioni.
Qui entrano in gioco i dettagli, un aspetto interessante sul quale il film si concentra a più riprese. Il valore dei dettagli è duplice. Da un lato hanno una funzione narrativa, aiutano lo spettatore a ricostruire scene di realtà che non vede mai in prima persona, agevolano l’immaginazione e la conducono a focalizzarsi su una riproduzione, quanto più verosimile possibile, del mondo fuori The Place.
Ma i dettagli sono parte dell’accordo perché sono proprio loro a fare la differenza. Ho la profonda e radicata convinzione che siano i dettagli a dar luogo alle nostre emozioni, o almeno alle sfumature di esse, che diventano tanto più variegate e sottili tanto più le situazioni sono ricche di dettagli. Da qui si innescano reazioni, da qui si costruiscono i ricordi, spesso aggrappati, come arrampicatori in bilico, ad ogni singolo particolare della memoria. Particolari scabrosi e macabri: sono proprio loro l’oggetto del nostro colloquio con la coscienza, la quale ci ascolta e prende appunti, in un disordinato e disperato flusso di coscienza, riprodotto all’interno del film con un libro nero pieno di pagine, di parole, di righe fittamente riempite, di foglietti e annotazioni.
Trascrivere, sia attraverso un’operazione mentale che fisica, la matassa aggrovigliata dei nostri ragionamenti aiuta a prenderne coscienza e a scindere con consapevolezza il particolare dal generale? Addentrarsi così in profondità è terapeutico o piuttosto distruttivo e deleterio?

Risultati immagini per the place film

Il film lascia aperta, come si può facilmente supporre, una serie di quesiti ed interrogativi irrisolti. E forse è proprio qui che risiede il suo fascino magnetico, alimentato dai tempi scenici, dal setting quasi teatrale, dalle inquadrature, dall’intensità dei dialoghi e dalla forte presenza di ogni interprete seduto di fronte a quel tavolo. Dall’altra parte, un Mastrandea che si difende alla grande, ma che è agevolato dalla sua espressione naturalmente affaticata e appesantita, perfettamente calzante per il suo ruolo in The Place.
È quell’aura di mistero, di conturbante perversione, che rende il film particolarmente attraente e ben riuscito. Impossibile uscire dalla sala con una idea chiara di significati, messaggi ed interpretazioni, così come è utopico terminare la visione nella speranza di un finale illuminante e rivelatore, in cui tutto avrà una spiegazione o ogni tassello si incastrerà perfettamente nella sua locazione.

Non tutto accade per un motivo, non sempre ci sono ragioni precise che muovono azioni. Non sempre abbiamo la possibilità e la facoltà di decidere. Certe cose avvengono, e basta. Destino? Casualità? Semplicemente realtà.
Il fatto è che il più delle volte non accettiamo il corso degli eventi e vorremo cambiarlo a nostro favore, perché tutti noi guardiamo ai nostri interessi e combattiamo per ottenere ciò che vogliamo. Egoisti? Opportunisti? Decisamente! Ma chi non lo è in fondo?
In fondo, è lì che va The Place, è proprio lì che a mio avviso vuole arrivare il regista nel suo tentativo di indagare le viscere dei desideri più nascosti, spingendosi fino ai confini che noi stessi ci imponiamo di non superare ma che, (solo) volendo, saremo in grado di travalicare. No, non ci sono limiti alla brutalità, alla violenza, al male, se finalizzati ad uno scopo che sentiamo, pur follemente, del tutto legittimo.

“Lei è un mostro”
“Diciamo che do da mangiare ai mostri”