Pulsazioni

Accettiamo, contempliamo ed ammettiamo la presenza di pulsazioni contrastanti nell’animo umano, l’esistenza di sentimenti diversi, antitetici, complementari ma non esclusivi.
Questa è la nostra vera natura, e sfido chiunque a dichiarare il contrario.

L’uomo non sa ancora riconoscere il bene dal male, è governato da istinti primordiali e desideri ancestrali che lo portano ad agire all’ombra di ogni razionalità, all’oscuro dal lume della ragione, nelle tenebre di un percorso tetro e inesplorato che si addentra in terre selvagge ed incolte.

Il buio non è solo assenza di luce, pericolo da temere, paura puerile da ricacciare. Il cuore sa essere tanto cupo quanto limpido, la mente tanto buia quanto illuminata. Impariamo a convivere con le tenebre, apprezziamo e coltiviamo la nostra oscurità perché non esiste pianeta completamente e perennemente rivolto al sole, non esiste angolo del mondo che riceva sempre la luce.

Accettiamo, contempliamo ed ammettiamo la presenza di emozioni agli antipodi, distanti tra loro eppure così vicine, simili ma contrapposte, chiare, nette e perfettamente riconoscibili, sebbene spesso ignote, inconsapevoli e incontrollabili.
Perché l’essenza dell’uomo sta nel continuo conflitto tra i sentimenti e la ragione, l’istinto ed il buon senso.
Una straziante ed incessante tempesta, che infuria in una maremoto senza fine.

Pulsazioni. Convulsioni. Contorsioni.
Questo è ciò che siamo dentro.
In quanto al fuori, è una pura questione di facciata e di chi sa meglio adornarla per nascondere un simile intimo tormento.

Ovunque, sei.

Oggi la mia testa è invasa da suggestioni, affollata di pensieri.
Oggi è una giornata un po’ particolare. Speciale, come avresti detto tu.
Oggi è finalmente arrivato, dopo mesi di programmazione, di premeditazione, dopo giorni passati a prefigurarmi come avrebbe potuto essere, cosa avrei potuto dire e il modo in cui mi sarei dovuta comportare.

Non ho fatto o detto niente, chiaramente, di ciò che avevo immaginato.
In tutti questi giorni, trascorsi nell’attesa di una rivelazione che non si è mai mostrata, non c’è stato momento in cui non ti abbia pensato.

Oggi è un giorno come tanti, giusto con qualche peculiarità in più. Direi una peculiarità almeno, piuttosto significativa in realtà. Come impedire alla mia mente di ricordarti, come costringerla dentro i confini del buon senso? Come evitare che evada in un vagabondaggio utopico, che decolli per esplorazioni concettuali e immaginifiche pericolose?

Ho imparato a limitare ognuno di questi istinti, in tutto questo tempo.
Ho imparato a scacciare quelle innumerevoli e poco sensate associazioni di idee in cui tu eri sempre il protagonista.
Sono riuscita ad allontanare la tua immagine, quel chiodo fisso in testa che ha tormentato a lungo le mie notti, i miei sogni, i miei risvegli.

Ma oggi è giorno speciale, ricco di eventi che si collegano a ricordi, pieno di ricordi che popolano gli eventi.
Concedimi di pensare a te come avrei fatto una volta, annullando ciò che è successo dopo.
Permettimi di accarezzare solo i ricordi più piacevoli, le memorie spensierate e i momenti più sereni, quelli in cui il tuo volto illuminava le nostre giornate e il tuo sorriso contagiava, senza distinzione, tutti i presenti.

E le tue battute pronte, le tue salde convinzioni, il tuo fare brioso che in qualche modo mi hai trasmesso. La leggerezza di affrontare i problemi quando si presentavano, se si presentavano, nelle dimensioni in cui si palesavano. Non esasperavi questioni, non caricavi di ansia le tue spalle e con una valigia riempita di quotidianità viaggiavi sempre su un binario parallelo, sopraelevato rispetto alla frenesia del mondo.

Bastano piccoli stimoli perché le associazioni mentali che irrazionalmente elaboro mi conducano a te. Una foto, un cibo, una ricorrenza, una parola. Un flusso di coscienza incontrollato, selvaggio, eppure nella sua impetuosità così terapeutico.

Sei dappertutto anche se non sei più niente, sei ovunque anche se non sei presente.
Sei dentro di me e oggi voglio urlare con tutto il volume della mia voce all’universo che ti penso, ti penso, ti penso.

È vero che sei speciale, che ci posso fa’?