Diario di viaggio: Pisa e Lucca

La convinzione che a Pisa esista esclusivamente la torre pendente è solo in parte vera. Certo, il Battistero e il Duomo sorgono accanto alla torre stessa, ma il complesso monumentale che ne deriva è qualcosa di davvero affascinante.

Piazza dei Miracoli è un bel colpo d’occhio, estesa in larghezza e in lunghezza, pullulante di gente e di architettura, di turisti e di arte. Il bianco la fa da padrone, uno stile romanico medievale è quello che contraddistingue gli edifici e che in generale si riscontra in molte cittadine toscane.

Le vie che a raggiera conducono alla piazza sono al tempo stesso vie commerciali e di shopping, interrotte più o meno a metà dal Lungarno, una zona per passeggiate altrettanto piacevole.

Lucca dista una mezz’ora di automobile da Pisa ed è il capoluogo di provincia della regione della Garfagnana. Protetta da mura lunghe circa 4 km, trasformate in giardini pedonali e ciclabili, la cittadina è uno scrigno medioevale tutto da scoprire. Il nostro ingresso è in corrispondenza di Porta di San Pietro, attraverso una via che ci conduce al Teatro del Giglio, accanto a Piazza Grande. La piacevole passeggiata in centro ci porta a costeggiare San Michele in Foro, ponendoci subito di fronte ad un aspetto fondamentale della città: Lucca è ricca di chiese e sopratutto di torri, ammirabili e facilmente identificabili dall’alto di un’altra torre, quella Guinigi, dove decidiamo di inerpicarci a fine giornata.
Prima ancora, però, non può mancare una visita alla Cattedrale di San Martino, il duomo toscano più antico di tutta la regione che sorge in una piazza ampia ma non regolare, incastonato tra mura ed edifici che lo rendono particolarmente affascinante ed imponente. Merito anche della quiete cittadina che aumenta non di poco l’atmosfera di sacralità della cattedrale.

Lo stile architettonico del XII secolo è riscontrabile nella maggior parte delle strutture urbane e il sapore del tutto medievale si assaggia camminando lungo via Fillungo, affiancando Torre dell’Orologio ed arrivando fino alla graziosa Piazza dell’Anfiteatro, presumibilmente costruita seguendo la sagoma ellittica di un antico anfiteatro romano.

Di ritorno sui nostri passi, conveniamo che è sempre un fortissimo appagamento di animo e di sensi visitare questa terra.
Così, quando il mal di Toscana si fa più forte e il suo richiamo più insistente del solito, siamo certamente rincuorati dal fatto che con poche ore di macchina è possibile guarire e trovarne la cura.

Diario di viaggio: Capalbio e il Giardino dei Tarocchi

Oggi, in memoria dei vecchi tempi, abbiamo riproposto una gita fuori porta con tutta la famiglia. Inizialmente la destinazione avrebbe dovuto essere il Gran Sasso, ma, causa maltempo previsto da quelle parti, abbiamo optato per un’altra regione, in una delle sue cittadine di confine: Capalbio in provincia di Grosseto.
Il paesino in sé è molto gradevole, racchiuso in una cinta muraria con tanto di torre aldobrandesca accessibile e visitabile. Il pezzo forte è stato però Dedò con la sua bottega d’arte. Dopo aver acquistato una calamita e due segnalibri presso la sua officina-negozio, il pittore ci intrattiene in una conversazione ricca di disillusione sull’andamento del nostro Paese e della nostra gente. Un uomo di cultura, un uomo di ideali e di grande spessore ci sembra, tanto che alcune delle sue parole risuonano ancora in me. Dedò si sente investito di una missione, di un compito preciso, cosa che lo ha indotto a limitare la sua permanenza negli Stati Uniti per lavorare in Italia, ove non si ritiene originario di una località particolare, ma cittadino Italiano a tutto tondo. Proseguiamo la nostra passeggiata tra i vicoli di Capalbio, rapiti da un invitante odorino di buona cucina (principalmente si avverte profumo di sughi che bollono in pentola già alle 11 del mattino) che aleggia nell’aria e che proviene dai mille localini situati in ogni angolo.
Un ottimo pranzo in una trattoria tipica ci procura il meritato ristoro. Assaggiamo crostini toscani, antipasti con salumi e formaggi locali, pici e ravioli come primi piatti, una fiorentina da 1kg ed il Pepone della Valle Maremmana come secondi. Solitamente al ristorante non mi faccio mai mancare i dolci: ordiniamo così una mousse di ricotta, miele e pinoli e una creme brûlé all’arancia.
Riprendiamo il cammino in direzione Roma, prevedendo una tappa al Giardino dei Tarocchi, cui le   opere di Dedò in parte si inspirano. In realtà la scultrice delle gigantesche opere del parco fa l’occhiolino al Parc Guell di Gaudì a livello di forme e colori, ma riproduce come soggetti i personaggi delle carte dei tarocchi. L’atmosfera del luogo è molto particolare, persino da incubo e mal di stomaco in alcuni punti. I colori accesi, le forme surreali, le dimensioni esagerate delle strutture (oltre i 10 metri) e la lavorazione con il mosaico danno l’idea di trovarsi in una sorta di parco delle meraviglie dall’atmosfera onirica. È sicuramente l’impatto delle prime sculture (il mago, la ruota della fortuna, il sole, la papessa e la torre sullo sfondo) che vale da solo una visita. I sentieri lungo i quali si svolge il tour nel parco sono anch’essi intagliati ed incisi con frasi, numeri, disegni, sagome, come fossero caselle di un enorme tabellone da gioco vivente. Il gioco di specchi creato dal mosaico è divertente e permette di sbizzarrirsi con fotografie più o meno improvvisate. Insomma, sin dall’inizio il colpo d’occhio è notevole, sebbene ci si domandi come sia venuto in mente (una mente disturbata, forse) all’artista di realizzare un posto così stravagante e particolare.
La giornata, giunta presto al termine, mi ha ricordato le gite che spesso si organizzavano con i miei specialmente nel periodo estivo e che ora sono divenute più rare per via dei maggiori impegni di noi figli. Sono queste giornate che uniscono, momenti in cui ci ritroviamo, tutti e quattro da soli, come se fossimo la cosa più bella al mondo. E forse non me ne rendo conto, ma lo siamo, lo siamo davvero.

Ho incontrato un uomo. Egli era povero, così povero. Aveva solo il denaro.