Content… iness

Volevo scrivere.
E scrivo.
Con il computer. Con la tastiera. Scrivo anche a mano, se serve.
Scrivo per internet. Per il web. Per il sito. Per il portale. Per la pagina pubblica. Per il FE (Front End, diciamo da noi).
Scrivo email. Scrivo note. Comunicazioni, richieste, risposte, testi, descrizioni (brochure, diciamo da noi).
Scrivo in italiano. Scrivo in inglese. Ho scritto anche in tedesco un paio di volte.
Scrivo seduta. Scrivo in piedi (abbiamo la scrivania regolabile, da noi).
Scrivo di hotel, alberghi, b&b, affittacamere, case vacanze, ville, appartamenti, resort, agriturismi, country house. Scrivo per proprietà, strutture ricettive, attività turistiche.
Scrivo perché mi occupo di contenuti, di testi, di editing.
Scrivo per Booking.com. Da metà maggio sono Content Specialist & Content Coordinator qui.
Non scrivo più così spesso per il blog. Da sempre sono Scrutatrice di Universi sul mio blog.
 

Diario di viaggio: Andalusia #Day 6

Andalusia #Day 6 – Domenica
Siviglia
L’ultimo giorno nel capoluogo andaluso ci accoglie al mattino purtroppo piovoso. Nonostante il brutto tempo, non demordiamo e alle 10.15 siamo già in centro. Un po’ come Malaga il giorno dell’Epifania, anche Siviglia è deserta di domenica mattina. In realtà lo sarà per gran parte della giornata, cosa a cui contribuisce anche il tempo, non proprio invitante per uscire a fare due passi. Per noi sono però d’obbligo, dunque iniziamo da Plaza DSC_0550del Triunfo dove si affacciano l’Alcazar ed una parte della maestosa Cattedrale. Scopriamo il suo patio de los naranjas, anche se di naranjas Siviglia abbonda dovunque, praticamente in ogni angolo. Il loro profumo è ancora debole in questi mesi, ma appena si sfiora un frutto con le dita non lo si lascia più. L’interno della cattedrale è regale e sontuoso come l’esterno, con volte gotiche dalle altezze incommensurabili. Pare che coloro che costruirono la cattedrale, sempre sorta sulle rovine di un’antica moschea che testimonia la dominazione araba di tutta la regione, dissero che sarebbero sicuramente sembrati pazzi ai posteri per le dimensioni della chiesa che stavano edificando. Difatti la Cattedrale con la sua Giralda sono qualcosa di enorme, gigantesco, tanto da apparire sovradimensionati rispetto al resto della città. È l’impressione che abbiamo lungo la passeggiata/belvedere del Metropol Parasol, la struttura a “funghi” (lo chiamano las setas de Sevilla) che si trova in Plaza de Encarnaciòn. Saliamo infatti per godere di un fantastico panorama su Siviglia, abbracciando anche la zona di Avenida se Hercules e del ponte di Calatrava, zona che
DSC_0568decidiamo di visitare nel primo pomeriggio. Questo ci porta quindi a percorrere diversi chilometri lungo il fiume Guadalquivir, al di là del quale scorgiamo in lontananza un parco divertimenti in stile coloniale, la Isla Magica, e la zona dedicata all’Expo ’92. Ci imbattiamo poi in qualcosa davvero favoloso, che rimpiangiamo di non aver scoperto in anticipo: un mercato di tapas. Una sorta di Eataly, dedicato però alle sole tapas, divise per categoria: empanaderia, vinos, cerveca, quesos, arroz, cafeteria etc. Queste possono essere consumate in tavolini d’appoggio allestiti sul posto o comprate para llevar, a portar via. Sono tutte così invitanti, anche perché le “bancarelle” sono stand deliziosi ed il posto è pieno di gente, nonostante siano quasi le 16. È il loro pranzo questo. Sempre camminando lungo il fiume arriviamo al Parque di Maria Luisa, dove decidiamo di tornare per godere un’ultima volta, prima della partenza per Roma, dell’idilliaca visione di Plaza de España. Siviglia, una città che sa più di “capitale” con le sue spaziose avenide e le sue architetture maestose, ma che allo stesso tempo sa essere a misura d’uomo è assolutamente vivibile. Vince 1 a 0 contro Barcellona. E l’Andalusia vince su tutto.
DSC_0518

Diario di viaggio: Andalusia #Day 5

Andalusia #Day 5 – Sabato
Cordoba
Approfittiamo della tranquillità della mattina, momento della giornata in cui non sono DSC_0470ammessi i gruppi, per visitare la Mezquita. L’interno della terza moschea più grande al mondo in ordine di dimensioni è da togliere il fiato. Per farla breve, quello che sicuramente colpisce sono le dimensioni: uno spazio enorme che è una magnifica sintonia, il cui ritmo è dato dalle splendide colonne e dagli archi colorati con contrasti di pietra bianca e rossa. È un ambiente con una certa magia, non c’è dubbio. Ma ciò che lascia davvero basiti è la presenza, proprio nel centro della Moschea, della cattedrale cristiana, voluta dai sovrani cattolici e terminata sotto il regno di Carlo V. Un accostamento così particolare – il crocifisso affiancato ai motivi geometrici tipicamente moreschi, cappelle con altari dentro archi ad ogiva decorati con iscrizioni in arabo – evoca il ricordo di un passato variegato, che è letteralmente “passato” da una dominazione all’altra, dall’influsso di una cultura ad un’altra. L’aspetto stupefacente è il cambiamento di atmosfera che si percepisce camminando silenziosamente tra gli archi e passando dal Mihrab alla cappella maggiore cristiana. Il tutto rende la Mezquita un ambiente multiforme, sfaccettato, ricco di diverse luci e suggestioni ed incarna perfettamente quello che ho trovato essere lo spirito della stupenda città di Cordoba.
Siviglia.
Il bus 37 ci conduce dall’albergo, in posizione più periferica rispetto al centro, fino a Paseo Roma, a pochi passi da Puerta Jerez dove si “aprono” letteralmente i varchi del centro di Siviglia. Perché, una volta oltrepassata la soglia, si entra in un mondo fatto di fasti, splendori, alberi d’arancio che incorniciano i viali, un mondo di ampiezze ed edifici maestosi.
DSC_0619 La nostra passeggiata inizia nel Parque di Maria Luisa, dal quale non vorremo più andar via. I nostri occhi si piantano di fronte allo spettacolo offertoci da Plaza de España, una sorta di Venezia in miniatura in stile rigorosamente iberico. Azulejos colorati compongono le recinzioni ed i ponti di questa fantastica struttura che si affaccia su laghetti e fiumiciattoli artificiali, con tanto di barchette da noleggiare. Il sole, poi, rende il tutto ancora più magico.
Decidiamo di dedicarci ad una scoperta “esteriore” della città, per capire di che pasta è fatta. Ci avviciniamo dunque all’Alcazar, alla Cattedrale e alla famosa Giralda, passeggiando poi lungo l’Avenida de la Costitucion. Tocca poi al Barrio Santa Cruz con Plaza Santa Cruz, Plaza San Francesco e Plaza San Salvador che si presenta affollatissima, merito di un bar evidentemente assai rinominato. Senza quasi aspettarcelo, arriviamo a Plaza de la DSC_0621Encarnaciòn dove incontriamo una struttura abbastanza avveniristica che però ha il suo perché. La sera percorriamo Paseo Colòn che ci porta davanti la torre dell’Oro e Plaza de Toros, dove si trova una delle più antiche arene della Spagna dopo quella di Ronda. Ci perdiamo tra i vicoletti che separano il quartiere Arenal dal centro vero e proprio e giungiamo così a Plaza Venerables e poi Plaza Dona Elivira, suggestiva per il suo intimo giardinetto degli aranci impreziosito da una fontana nel centro. Le mura dell’Alcazar che si innalzano a protezione delle vie e la Giralda che domina il cielo, insieme alle guglie mostruose della cattedrale, costituiscono i nostri punti di riferimento. Ceniamo con tapas e paella, seppur non di ottima qualità, e concludiamo così il penultimo giorno in Andalusia.
DSC_0538